La Prescrizione delle cartelle esattoriali 5 anni


La Prescrizione delle cartelle esattoriali

In merito alla prescrizione quinquiennale delle cartelle la Corte di Cassazione  in ben due occasioni ha espresso un principio, ossia quello in base al quale le cartelle si prescrivono dopo 5 anni se non opposte e dieci se c'è una sentenza passata in giudicato, Cass. SS. UU. n° 25790/09 e Cass. SSUU 23397/2016.
La stessa Corte Costituzionale con la sentenza n. 280/05 , i giudici costituzionali osservarono che, sotto il profilo del principio del diritto di difesa (art. 24 Cost.), non è “consentito lasciare il contribuente assoggettato all’azione esecutiva del fisco per un tempo indeterminato e comunque, se corrispondente a quello ordinario di prescrizione”; l’arco temporale di potenziale riscossione del credito erariale non può e non deve apparire “certamente eccessivo e irragionevole”.
Per  cui non si condivide la tesi dell'agente della riscossione della prescrizione decennale.
I giudici della Corte di Cassazione a Sezioni Unite, con la sentenza n. 23397 depositata in data 17/11/2016, hanno definitivamente stabilito che le pretese della Pubblica Amministrazione (Agenzia delle Entrate, Inps, Inail, Comuni, Regioni etc.) si prescrivono nel termine “breve” di cinque anni, eccetto nei casi in cui la sussistenza del credito non sia stata accertata con sentenza passata in giudicato.
Attualmente si continua a sostenere la prescrizione decennale, ma alla luce delle SSUU 25790/09 e 23397/2016, con la guida della sentenza della Corte Costituzionale sent. 280/05 il quadro è il seguente: Le cartelle per il bollo auto si prescrivono dopo 3 anni e per tutti gli altri tributi 5 anni , se c'è una sentenza passata in giudicato 10 anni La Corte Costituzionale con la sentenza n.280/2005: ha stabilito che il contribuente non può essere esposto alle aggressioni del fisco per un periodo di 10 anni (prescrizione ordinaria), essendi tale termine irragionevole e in contrasto con il diritto alla difesa. Assogettare i contribuenti all'azione del fisco per ben 10 anni è illegittimo, La Corte Costituzionale con la sentenza n. 280/05 osservò che, sotto il profilo del principio del diritto di difesa (art. 24 Cost.), non è “consentito lasciare il contribuente assoggettato all’azione esecutiva del fisco per un tempo indeterminato e comunque, se corrispondente a quello ordinario di prescrizione; l’arco temporale di potenziale riscossione del credito erariale non può e non deve apparire “certamente eccessivo e irragionevole”. , Sulla durata decennale della azione accertatrice dell'agenzia delle Entrate è chiaro, che bisogna sollevare la incostituzionalità portando all'attenzione dei giudici la sentenza n.280/05 della Corte Costituzionale Le sentenze Cass. SS. UU. n° 25790/09 e Cass. SSUU 23397/2016 hanno espresso un principio, ossia quello in base al quale le cartelle si prescrivono dopo 5 anni se non opposte e dieci se c'è una sentenza passata in giudicato. Cassazione 20424/2017 sul Bollo auto Il bollo auto si prescrive dopo tre anni: Le Regioni non possono invocare alcun termine di prescrizione decennale, la Cassazione ha depositato la sentenza 20425/2017, con cui ha stabilito che vale anche per la tassa automobilistica la pronuncia delle Sezioni unite (sentenza 23397/2017) che aveva già escluso la prescrizione decennale per le cartelle di pagamento relative a contributi previdenziali.
A cura del Dott. Giuseppe Marino difensoretributario 25/09/2017


STUDIOMARINOonlun 25 settembre 2017 - 22:15:06
Commenti:0